Quando vedremo la luce

Quando tutto questo sarà finito e usciremo di nuovo sulle strade e nei parchi vedremo tutto con occhi diversi perchè questi giorni di ristrettezze ci avranno cambiati. La libertà limitata, il senso di una comunità che resiste, la condivisione delle piccole cose, gli amici, la famiglia. La paura di essere uno degli asintomatici e di poter cosi essere il veicolo di sofferenza e morte per qualcuno che ti è caro, la paura di contrarre la malattia e di soccombere al male. Il sollievo per essere scampato al virus. Il senso del proprio lavoro, per chi opera nella sanità ma anche per tutti i volontari della protezione civile o per gli operai che in fabbrica continuano a realizzare valore e ricchezza per l’economia del paese. E ancora chi nel commercio consente la continuità della distribuzione alimentare. I trasportatori che muovono le merci, chi fa informazione e contribuisce a diffondere la consapevolezza. Tutte cose che diamo per scontate ma che scontate non sono.

Multiverso

Ogni essere vivente percepisce il proprio universo attraverso i segnali ricevuti dal suo specifico sistema sensoriale ed elaborati dal sistema cerebrale.

Possiamo conoscere la realtà e fare previsioni attendibili ma solo entro limiti definiti dalle nostre capacità personali. La comprensione di come sia fatto l’universo per un altro essere vivente presuppone la capacità di immedesimarsi a tal punto da essere lui.

Il privilegio del collare. Un sogno Illuminante.

Indossare il collare o essere libero? Video in soggettiva di un cane. Il collare della dipendenza o del condizionamento inconsapevole.

Ho sognato di accompagnare una persona famosa ad un incontro pubblico, una specie di fiera o congresso, dove molte persone con diversi interessi si ritrovavano. Siamo stati accolti con grande entusiasmo, tutti volevano presentarsi, salutare e farsi vedere vicino al leader. Godere della manifesta fiducia di una persona così famosa, benvoluta, rispettata ed invidiata, mi faceva sentire importante. Non che la mia opinione contasse veramente qualcosa, lo conoscevo superficialmente e era solo una fortuita coincidenza che io fossi nel gruppo dei suoi accompagnatori. L’unico lieve fastidio collaterale era doverlo seguire nei suoi continui spostamenti tra un gruppo di persone e l’altro .

Ad un certo punto lo persi di vista e, come accade nei sogni, mi ritrovai improvvisamente in un altro contesto. Ero in un campetto ai margini della fiera, pronto ad effettuare un calcio d’angolo in favore dell’unico giocatore che mi incitava ad un assist davanti alla porta. Dopo un primo tentativo ridicolo e maldestro ripetei il tiro e questa volta il passaggio riuscì perfettamente, piazzando la palla al posto giusto il mio compagno segnò il goal della simbolica vittoria. Così mi avvicinai per festeggiare ed accadde una cosa strana. Mi ritrovai a camminare accanto a lui ma all’altezza dei suoi fianchi, come limitato da un guinzaglio. Non ero più libero di muovermi a mio piacimento e la visione era molto più ristetta. Nel mio campo visivo apparve un oggetto tenuto nella mano di chi mi tratteneva, forse un osso o qualcosa di simile. Questa situazione mi apparve così buffa che scoppiai a ridere di cuore e improvvisamente mi risvegliai.

Riflettendo sul sogno: quante volte indossiamo un collare senza esserne consapevoli? Quale prezzo siamo disposti a pagare per essere liberi?

La nobiltà dello sport

Quando il cielo si tinge d’arancio, la fredda ragione cede il posto al calore dell’emozione.
In una calma sera d’ottobre le barche gemelle, come sorelle in competizione, lottano senza risparmiarsi mettendo in campo ogni risorsa per primeggiare.
E anche se talvolta lo scontro può farsi duro, tra loro si rispettano, consapevoli che vincere con onore costa impegno e fatica.
La nobiltà dello sport brilla di luce propria, avvolta dai colori di un sole appena tramontato.