Scivolare sul mare sospinti dal vento

Cosa significa “andare a vela”? Per me è la stupefacente possibilità di partecipare insieme all’acqua e all’aria ad un gioco che unisce la ragione e l’emozione, le forze della natura e i limiti dell’uomo.
L’ondeggiare del mare e la spinta del vento ci portano alla deriva, come un turacciolo che galleggia sballottato dalle onde o una mongolfiera portata dalle correnti dell’aria.
È nell’incontro tra i due elementi che si trova la chiave per il controllo del movimento o detto in modo più formale, “a far avanzare la barca è la risultante tra la pressione del vento sul centro velico e dell’acqua sul piano di deriva immerso”.
Certo le leggi della fisica lo spiegano perfettamente, ma solo chi ha cavalcato questo spazio magico può percepirne il potente impulso vitale.
La navigazione a vela ti regala l’euforica sensazione di partecipare all’antica giostra tra il vento e il mare, proprio lì, nell’interfaccia tra aria ed acqua, dove si crea il miracolo.
Se il vento non ha nulla da dire, il mare se ne sta buono e calmo, ma quando il vento alza troppo i toni è meglio abbandonare il campo. Quando invece i due elementi discutono tranquilli del più e del meno, una volta capito il discorso, anche noi possiamo dire la nostra, mettendoci in mezzo e avanzando verso la prossima boa.
Per noi piccoli fragili esseri umani, portati dalla vita a rincorrere sempre nuovi obiettivi, la vela è un universo alternativo, uno stacco totale dal quotidiano, è vivere seppur per poco in un mondo speciale, governato da Aria ed Acqua, due primordiali e volubili elementi da conoscere e rispettare.

“Brivido” durante la regata “Trofeo Miramare 2018”. Paolo alle vele di prua, io randista e Roberto (coperto dalle vele) al timone.

Slip on the sea driven by the wind

What does “go sailing” mean? For me it is the amazing chance of to take part together with water and air in a game that combines reason and emotion, the forces of nature and the limits of man.
The swaying of the sea and the thrust of the wind lead us to drift, like a floating cork tossed by the waves or a hot-air balloon carried by the air currents.
It is in the encounter between the two elements that the key to controlling the movement is found or more formally said, “to advance the boat is the result of the wind pressure on the center of the sails and of the water on the submerged keel “.
Of course the laws of physics explain it perfectly, but only those who have ridden this magical space can perceive their powerful vital impulse.
Sailing gives you the euphoric feeling of participating in the ancient joust between the wind and the sea, right there, in the interface between air and water, where the miracle is created.
If the wind has nothing to say, the sea is good and calm, but when the wind lifts too much it is better to leave the field. When instead the two elements quietly discuss the pluses and minuses, once we understand the speech, we too can have our say, putting ourselves in the middle and advancing towards the next mark.
For us small fragile human beings, driven by life to always pursue new goals, sailing is an alternative universe, a total break from everyday life, it is living for a while in a special world, ruled by air and water, two primordial and fickle elements to know and respect.

Al neurone basta poco…

Cosa pensate che ne sappia il neurone del cervello, lui si limita semplicemente ad inviare i suoi segnali quando viene sollecitato dalle giuste sinapsi.
Alle volte sono cortesi impulsi sporadici ai quali se gli va risponde o altrimenti ignora.
Quando arrivano invece combinazioni di complessità maggiore, la sua risposta è attentamente ponderata.
Succede spesso poi qualcosa di speciale, quando l’area cerebrale tutto intorno si mette ticchettando a risuonare, il neurone scarica sintonizzato con il ritmo, in un fantastico concerto di impulsi armonizzati.
Che poi questa sinfonia sia funzionale a qualche ineffabile attività superiore al neurone poco importa, nessun problema esistenziale, lui fa quello per cui è nato: scarica il suo segnale come sa fare. E questo basta.

The neuron is content with little

What do you think the neuron knows about the brain, he simply sends out his signals, when he is activated by the right synapses.
At times, they are sporadic kind impulses to which, if he likes, he respond or otherwise ignore.
When combinations of greater complexity come instead, his answer is carefully considered.
Then something special often happens, when the brain area all around is ticking to resonate, the neuron discharges tuned with the rhythm, in a fantastic concert of harmonized pulses.
That this symphony is functional to some ineffable superior activity to the neuron does not matter, no existential problem, he does what he was born for: he sends out his signal as he knows how to do. And that’s enough.

È tutta una sola luce…

Una sera di parecchi anni fa, andai in auto a Malpensa per ricevere ed accompagnare a Treviso una dirigente della televisione di stato cecoslovacca che avrebbe partecipato ad un evento che stavamo organizzando. Durante il viaggio di ritorno naturalmente percorremmo l’ A-4 sfiorando le città di Bergamo, Brescia, Verona, Vicenza, Padova e Mestre con le loro aree industriali e commerciali che sfilavano ai lati dell’autostrada. All’arrivo a Treviso ci manifestò tutta la sua meraviglia: “Abbiamo viaggiato per ore, è tutta una sola luce da Milano a qui!”
L’idea di fotografare questo pensiero mi ha portato nei giorni scorsi al rifugio Vittorio Veneto sul monte Pizzoc. Il progetto ardito era di riuscire a vedere la bellezza della via lattea riflettere la luce della nostra pianura. Fortunatamente il cielo non è nuvoloso ma purtroppo l’umidità dell’atmosfera impedisce la vista della galassia. Non so se mai sarà possibile ottenere la foto che immagino, ma farò altri tentativi in futuro. Per il momento il risultato migliore è questo.

Governare il Caos

L’idea che vorrei esprimere è chiara e limpida nella mia mente ma difficile da tradurre in parole che ne mantengano il pieno significato. Mi sembra che, per quante metafore io possa usare, nessuna riesca a comunicare integralmente il concetto. Partirei da una considerazione: nessuno, per quanto possa prepararsi e organizzarsi, è in grado di fare previsioni attendibili se non per situazioni molto vicine nello spazio e nel tempo. Non appena le distanze aumentano, la complessità della realtà rende significativa ogni minima variazione nelle condizioni di partenza. Come orientarsi allora, in un mondo che cambia sempre più velocemente in direzioni spesso imprevedibili? Proviamo ad immaginare l’esistenza individuale come la continua elaborazione di una complessa equazione. Per comprenderla meglio dobbiamo suddividerla in elementi più semplici. Tra gli innumerevoli fattori, bisogna riconoscere le costanti e le variabili. Le costanti sono rappresentate dai valori fondamentali (+++) , le variabili sono di due tipi: i fattori al di fuori del nostro controllo e gli elementi su cui possiamo agire. La distinzione tra i due gruppi non è sempre netta, a volte riteniamo di poter influenzare la realtà e ne ricaviamo frustrazioni, a volte rinunciamo a farlo e perdiamo opportunità.

Gabbiano dopo il temporale

Mentre mi preparo a scattare questa foto, il mare, il cielo, le nuvole, il volo del gabbiano e la luce mutevole sono le variabili al di fuori del mio controllo. L’inquadratura e l’attimo dello scatto sono le variabili sotto il mio controllo. Le costanti sono rappresentate dai parametri tecnici della macchina fotografica. Il gabbiano (in realtà erano 3 o 4) volava alzandosi e abbassandosi senza una precisa direzione. Ho scattato almeno 15 foto prima di averlo esattamente nella luce del cielo al tramonto. E questo è tutto… Per ora.

ISS – International Space Station

La Stazione Spaziale Internazionale orbita sopra le nostre teste oltre l’atmosfera alla quota di circa 300 chilometri, viaggiando a 7.66 km al secondo ovvero a 27. 576 km all’ora. Percorre un’orbita completa in poco più di un’ora e mezza. Non dispone di luci esterne potenti e per vederla è necessario che passi sopra di noi poco dopo il tramonto o poco prima dell’alba in modo da riflettere la luce del sole, ancora o già visibile da quell’altezza. Dal monte Pizzoc, sopra Vittorio Veneto, ho atteso il suo passaggio. La scia bianca che si vede in cielo è il riflesso del sole che l’astronave in corsa ha impresso sul sensore della fotocamera. È spezzata in quattro segmenti perché la foto è in realtà la somma di quattro scatti della durata di 30 secondi ciascuno. La pianura illuminata in basso, il pianeta Giove nel cielo stellato e la stazione spaziale in transito sono i protagonisti di questo splendido spettacolo.


T
he International Space Station orbits over our heads beyond the atmosphere at an altitude of about 300 kilometers, traveling at 7.66 km per second or 27. 576 km per hour. Go through a complete orbit in just over an hour and a half. It does not have powerful external lights and to be able to see it, the Station has to fly over us shortly after sunset or just before dawn to reflect the sunlight, still or already visible from that height. From Mount Pizzoc, above Vittorio Veneto, Italy, I awaited its passage. The white trail you see in the sky is the trace of the reflected sun that the spaceship in its stroke has impressed on the camera sensor. It is broken into four segments because the photo is actually the sum of four shots lasting 30 seconds each. The sparkling plain at the bottom, the planet Jupiter in the starry sky and the space station in transit are the main actors of this shining spectacle.

Passage of the International Space Station over the skies of Veneto

Alla ricerca di un centro di gravità permanente.

Sognare di camminare sulla spiaggia, con i piedi accarezzati dalla risacca, come trattenuto dall’acqua fresca, per poi allungare lentamente il passo fino a correre a perdifiato, con i piedi che sembrano volare sopra la sabbia bagnata. Allargare le braccia come fossero ali e spiccare il volo, librandosi in aria come un gabbiano. Ed osservare le cose da lontano, con distacco, lasciandosi alle spalle tutti i pensieri e le apprensioni, godendo dell’attimo e dello spettacolo del mondo. Nella metafora del sogno ritrovare un certo approccio per le piccole e grandi cose, il cui peso si stempera nella distanza, nel distacco creato dalla consapevolezza della propria infima dimensione rispetto alla grandezza del mondo.

Com’è possibile conciliare questa visione con la vita quotidiana, fatta di esigenze minime come mangiare e dormire ma anche di relazioni con altre persone, sia a livello di familiari e conoscenti che di colleghi di lavoro e amici; fatta di necessità economiche a breve e lungo termine, di responsabilità nei contronti di chi ti è vicino: figli, genitori, compagni di vita, animali e piante che dipendono delle tue cure? Come mettere tutto nella giusta prospettiva? E’ corretto adottare un’ottica diversa a seconda del contesto o è possibile trovare una sintesi?

Se allargo la visione al cosmo, le dimensioni sono talmente vaste che la nostra presenza si fa irrilevante, se scendo e considero l’ecosistema del pianeta in cui viviamo, penso all’umanità come ad un virus, un “incidente” evolutivo di cui probabilmente il mondo si sbarazzerà come accadde casualmente ai dinosauri. Se però mi fermo a valutare l’orizzonte della vita, nel tempo e nello spazio, ecco che nei limiti ristretti entro cui posso agire, è possibile trovare uno scopo, un motivo esistenziale.

Comincerei da qui, da queste immagini, da queste parole, sempre che ci sia qualcuno disposto ad ascoltare.

Era lì, che aspettava solamente il mio arrivo per mettersi in posa.

Questa creatura è un sirfide, è un parente della mosca ma si finge un’ape per sembrare più pericoloso. E’ stupefacente la sua capacità di stazionare in volo per poi schizzare via improvvisamente. Per fortuna questo soggetto si è mostrato abbastanza collaborativo e si è lasciato avvicinare, a dire il vero si è posato proprio sul fiore che stavo inquadrando. Detto così sembra facile… vi risparmio tutti gli scatti sfocati o mossi. In ogni caso una foto come questa, mi ripaga per tutti i tentativi non riusciti. 

Camera Canon EOS M50 – ISO 100 – 1/200 sec. –  f/5 – Ottica Canon EF-M28mm f/3.5 MACRO

Spesso la meraviglia è nascosta in bell’evidenza.

Un obiettivo macro, un terrazzo, molta pazienza e centinaia di scatti.
Al termine di questo “safari fotografico” ho selezionato quattro immagini: una piccola formica che si sporge dal bordo di un vaso da fiori, un ragnetto che tenta invano di colpire un porcellino di terra ben corazzato, una mosca in cerca di qualcosa e un altro piccolo ragno saltatore dagli occhi color smeraldo.